Il corso cercherà di presentare e approfondire teorie e modelli relativi alle economie dell'innovazione digitale sia attraverso l'introduzione di framework e teorie (i.e. Henry Jenkins, Clayton M. Christensen, Tim Wu, Hal R. Varian, James McQuivey, Alec Ross) sia coinvolgendo gli studenti in un lavoro di analisi e discussione di business case. In particolare, le lezioni si concentreranno sull'analisi e la comprensione dei fenomeni legati alla trasformazione digitale, sia in generale nell'industria dei servizi e dell'informazione sia nello specifico per quanto riguarda il contesto della produzione e distribuzione dei media digitali.

PROGRAMMA E CONTENUTI

Saranno analizzati il contesto e gli scenari dell'innovazione digitale attraverso un approccio multi-disciplinare, in particolare dal punto di vista economico e sociologico. I temi principali saranno i seguenti:

-Teorie e modelli dell'innovazione (di servizio, prodotto, innovazione incrementale, radicale, distruptive, innovation thinking, innovation framework)

-Modelli disruptive e paradigmi delle c.d. nuove economie (dilemma dell'innovatore, low-end disruptions, new-market distruptions, digital transformation, modelli di crescita, modelli di business, accelerazione, e-commerce)

-Nuova catena del valore distribuzione media (player, evoluzione della catena, modello OTT, on demand distribution, modelli subscription-based, nuove "finestre” distributive, open vs. closed network)

-Analisi dei consumi e strumenti (uso sequenziale, uso simultaneo, second screen viewing, variabili del consumo mediale

-Customer-obsessed economies: il ruolo dei big data, AI, algoritmi machine-learning, segmentazione, purchasing funnel, introduzione agli strumenti e alle tecniche di digital marketing, customers touchpoints, modelli e strumenti di analisi del social engagement

-Transmedia: introduzione alle teorie di Henry Jenkins e al ruolo delle narrative transmediali

-Business case: Kodak, Lego, Amazon, Amazon vs. brick & mortar retailers, Facebook, Alphabet, Netflix vs Blockbusters, Netflix vs. Operatori Pay TV, Spotify, et alia